venerdì 18 gennaio 2019

L'uva preferisce Mozart: in Toscana un vigneto cresce con le note

Camilla Fusai

Cosa ascoltano i filari? Mozart. E grazie alle note del celebre compositore i grappoli di uva crescono in salute, senza parassiti e a una velocità maggiore rispetto ai compagni ''senza musica''. E' la storia che arriva dai vigneti di Montalcino, in provincia di Siena.

IN UN LIBRO E TRA LE VIGNE. ''L'uomo che sussurra alle vigne'' non è solo il titolo di un libro, ma è la storia autobiografia di Carlo Cignozzi, ex avvocato che ha trasformato il podere Paradiso di Frassina nel vigneto di Mozart, dove l'uva cresce al suono della musica classica diffusa da 14 casse, come quelle utilizzate nella cappella Sistina. I risultati, monitorati anche dagli esperti delle università di Firenze e Pisa, sono sorprendenti: le piante di Sangiovese coltivate con le note di Vivaldi e Mozart sono cresciute il 50 per cento in più del normale, sono maturate in anticipo e non hanno sofferto di attacchi da parte di fastidiosi parassiti.

BASSE FREQUENZE, OTTIMA ANNATA. "La musica, quella di Mozart in particolare - spiega Cignozzi - è utile alla crescita della vite. Il grappolo è precoce, ha più zuccheri e polifenoli e acidità modesta. La pianta è sensibile alle basse frequenze e la musica di Mozart è stata scelta per la sequenza Fibonacci, per l'armonia dolce e profonda che la caratterizza. Insomma io credo nell'armonia e all'università credono nelle frequenze. E' la musica contro la chimica".

MUSICA E PIANTE. Cignozzi, dopo una vita dedicata all'attività forense, ha approfondito i suoi studi sull'agricoltura e più in particolare sulla vita segreta delle piante. Poi ha deciso di passare dai libri ai fatti, installando nel suo vigneto degli altoparlanti, prima poco potenti, poi adatti anche alla vita all'aperto, grazie alla collaborazione con Amar Bose, creatore e produttore dei celebri apparecchi acustici.

5 dicembre 2011
articoli correlati

Sei nuovi luoghi contro il turismo ''mordi e fuggi''

Il ''nuovo'' Gabinetto Viesseux, l'housing sociale a Santa Maria Novella, la Fondazione Bocelli, l'ampliamento di Palazzo Strozzi e Museo Novecento. L'amministrazione presenta i sei progetti per un centro storico della cultura ''viva''

Giornate Fai di primavera 2018: cosa visitare a Firenze

Il 24 e 25 marzo 2018 tornano le Giornate di primavera del Fondo Ambiente Italiano: due giorni per scoprire i tesori nascosti in Toscana, come novelli esploratori

Una 'colletta' per salvare il cimitero degli Allori

Parte il crowdfunding per preservare il camposanto che conserva importanti opere d’arte e sculture dell’Ottocento e farlo diventare una nuova meta di riferimento per un turismo colto e selezionato
quartieri di firenze
Primo piano

Musei di Firenze gratis il lunedì per gli under 26

Giovani, ragazzi, studenti. Con il 2019 parte l’iniziativa sperimentale per aprire gratuitamente le porte dei musei civici di Firenze. In più biglietti a un euro per due teatri fiorentini
news
Focus
Agenda
Arte & moda
Dalla città
Focus

Ordinanza piazze vivibili, a Firenze i controlli continueranno

Il bilancio delle ordinanze per il controllo delle piazze e contro il ''panino selvaggio'' in via de’ Neri. Intanto arrivano risultati dalla squadra anti-droga della polizia municipale

Ultimi giorni per visitare la mostra su Marina Abramovic a Firenze

Sono oltre 145mila i biglietti staccati per la retrospettiva che Palazzo Strozzi dedica all’artista serba, tra performance, foto e oggetti con cui interagire

A Firenze la control room del traffico metropolitano

Fusione per le due società pubbliche Silfi e Linea Comune: nasce uno dei poli smart d’Italia per  il monitoraggio della viabilità, l'illuminazione pubblica, i servizi online e l’innovazione

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina