mercoledì 22 ottobre 2014

Giovani Sì, duemila richieste di contributo all'affitto

Natalia Binagli

 

Duemila i giovani toscani che hanno chiesto alla Regione un aiuto per pagarsi un affitto e abbandonare così il tetto di mamma e papà. E'  il risultato del primo bando per il contributo all'affitto indetto dalla Regione Toscana attraverso il progetto Giovani Sì.

NON CHIAMATELI BAMBOCCIONI. E' il governatore Enrico Rossi a presentare i numeri. Il bando per il sostegno all'affitto si è chiuso pochi giorni fa: le domande presentate sono 1.300, avanzate in totale da 2mila giovani toscani  under 34. A marzo sarà resa nota la graduatoria, con i nominativi dei vincitori. Il contributo andrà da 150 a 350 euro al mese. Chi non vi rientrerà al primo turno non si perda d'animo: in primavera sarà pubblicato un nuovo bando.

GIOVANI AL TAVOLO. Intanto, stamani, Rossi ha firmato un protocollo d'intesa con molte realtà giovanili toscane (30 strutture giovanili di altrettante realtà produttive, sociali, di categoria, sindacali, del terzo settore, degli enti locali) per istituire il 'tavolo Giovani Sì': uno strumento di collegamento permanente fra la Regione Toscana e l'eterogeneo mondo, sia pubblico che privato, delle politiche giovanili.

FIDI GIOVANI. Da alcune settimane sono inoltre aperti gli sportelli di Fidi Giovani, che prevede l'erogazione di prestiti garantiti (250 mila euro) e l'abbattimento degli interessi, per quei giovani intenzionati a iniziare una attività imprenditoriale.  In questo caso, sono già state presentate oltre  60 richieste per un totale di oltre 6 milioni di euro. A questo si aggiungono 30 pratiche, già avviate, per nuovi insediamenti imprenditoriali in agricoltura.

TIROCINI E SERVIZIO CIVILE. Vi sono poi mille giovani che al momento usufruiscono dei tirocini retribuiti avviati da Giovani Sì. E un altro migliaio tra ragazzi e ragazze  stanno per iniziare il servizio civile regionale. Infine, sono aperti i bandi per co-finanziare in accordo con le università 200 assegni di ricerca.    

7 febbraio 2012
articoli correlati

Il programma che dà voce ai lavoratori di notte

Si chiama "Fino a mezzanotte" la trasmissione radiofonica al via stasera sull'emittente regionale in collaborazione con la nostra redazione: dalle 22 terrà compagnia a quanti la notte la passano a lavorare

Roberta Ragusa, chiuse le indagini. Il marito verso il processo

A quasi tre anni dalla sua scomparsa, si chiudono le indagini sulla sparizione della mamma di Gello. Per il marito, Antonio Logli, la procura chiederà il rinvio a giudizio con l'accusa di omicidio e soppressione di cadavere

Tasi, la Cgil: ''In Toscana 208 tasse diverse e costi più alti dell'Imu''

Il sindacato denuncia il percorso a ostacoli per il pagamento della tassa (la prima rata scade il 16 ottobre): "Cittadini pieni di dubbi, in 1500 ogni giorno chiedono aiuto ai nostri uffici"
quartieri di firenze
Primo piano

Trasporti, venerdì sciopero dei treni

I lavoratori dell'intero Gruppo Fs incroceranno le braccia dalle 9 alle 24. Possibili disagi su regionali e Intercity, Frecce al sicuro. Garantiti i convogli dei pendolari
news
Facebook & Co.
Work
Pratiche
Low cost
Focus

Baby a bordo, cinque regole che salvano la vita

Sei bambini su dieci non sono al sicuro in auto per il mancato rispetto delle norme di sicurezza. Medici, psicologi, tecnici dell'Aci e mamme blogger ne hanno parlato in un workshop al Meyer. Ecco poche regole per cambiare (in meglio) la nostra routine e migliorare la sicurezza al volante  

Agli Uffizi le donne che dissero ''No'' alla mafia foto

A 22 anni dall'uccisione di Falcone e Borsellino, in mostra alla galleria fiorentina i volti di quelle donne coraggiose che scesero in piazza contro Cosa nostra e l'omertà

Su ponte alla Carraia spunta una gru e il suo nido (di legno) foto

Niente tavolozza, ma viti e un trapano elettrico. Il Sedicente Moradi: ecco chi è lo street artist di Firenze che crea sculture con materiale di recupero, come rami secchi e foglie

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina