martedì 19 marzo 2019

Rossi: ''Ridurre i costi della politica, a partire dagli stipendi''

Simona Corsi

Intervistato da 'Radionch'io' il presindente regionale Enrico Rossi ha fatto una “modesta proposta”.

L'INTERVISTA. Il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, ha rilasciato un'intervista a Ruggero Po, conduttore della trasmissione “Radio anch’io” di radio Rai 1, andata in onda questa mattina. La trasmissione era dedicata al tema dello scandalo della regione Lazio, sul quale il presidente regionale ha detto: “Se nella politica gli onesti, che sono tanti nei vari schieramenti, reagiscono, credo che i cittadini sapranno distinguere. Il problema è la credibilità delle istituzioni”.

LA PROPOSTA. All'interno della trasmissione Rossi ha fatto, quella che lui stesso ha definito, una “modesta proposta”: secondo lui, il governo dovrebbe intervenire insieme alle Regioni e provvedere con la riduzione dei costi della politica, “trovando – ha continuato - una serie di indicatori: stipendi dei presidenti, degli assessori, dei consiglieri, costi del funzionamento, benefit che vanno aboliti. Garantiamo che dalla Sicilia alla Valle d’Aosta stipendi e costi siano uguali per tutti e portati al livello più basso”.

STIPENDIO BASSO. Proseguendo sui tagli da apportare alla politica, Rossi ha affermato che, ad esempio, il suo stipendio è di seimilasettecento euro mensili. “In qualche caso la metà di quello di altri presidenti” ha detto.

LE REGIONI. Alla domanda che gli è stata posta se fosse il caso di accantonare le regioni, lui ha risposto di no poichè le regioni sono importanti. “Si è cominciato a dire: la concertazione non serve, i comuni sono troppi, le province sono da abolire (e io sono d’accordo) ora anche le Regioni. Così torniamo allo stato preunitario, in cui comandava un sovrano, un granduca. La democrazia – ha concluso Rossi – ha bisogno di essere articolata”.

25 settembre 2012
articoli correlati

Amministrative 2018: Campi Bisenzio va al ballottaggio

Sarà sfida tra il sindaco uscente Emiliano Fossi (PD e liste civiche) e Maria Serena Quercioli (centro destra). Cinque anni fa Fossi vinse al primo turno. I risultati definitivi e l'affluenza

Giunta regionale, c’è anche l’ultimo nome: è Monica Barni

Nata a Siena nel 1961, rettore dell'Università per stranieri, sarà la vicepresidente nella nuova legislatura. Avrà deleghe quali cultura, ricerca e rapporti con l'università. Rossi: ''Una donna fortemente presente nel mondo della ricerca scientifica e delle relazioni internazionali''

Nuovo consiglio regionale, ecco gli eletti

Maggioranza al Pd con 24 seggi su 40. Lega prima forza di opposizione con sei poltrone, cinque per il M5S, due a testa per Forza Italia e Sì - Toscana a Sinistra. Tra facce note e volti nuovi, ecco chi siederà a Palazzo Panciatichi
quartieri di firenze
Primo piano

Meteo: a Firenze dopo la pioggia arriva il vento forte

Allerta gialla tra Firenze, Prato e Pistoia per le forti raffiche di grecale
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Stop alle maxi-pubblicità davanti al Duomo e Palazzo Vecchio

Regole più stringenti in 3 piazze simbolo di Firenze per i cartelloni pubblicitari sui ponteggi dei cantieri. La giunta approva il nuovo regolamento

Viaggio per immagini nella cultura coreana al Florence Korea Film Fest

Il ritorno di Kim Ki-duk, l'ospite speciale Jung Woo-Sung e 45 titoli tra corto e lungometraggi. Una settimana dedicata al cinema coreano, dal 21 al 28 marzo, a La Compagnia

Linea 2 della tramvia, qual è il percorso e dove sono le fermate video

Finiti i lavori si avvicina l’inaugurazione della linea 2 della tramvia. Ecco la mappa del nuovo tracciato e di tutte le fermate per non farsi trovare impreparati quando partirà la T2

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina