lunedì 11 dicembre 2017

Su ponte alla Carraia spunta una gru e il suo nido (di legno)

Niente tavolozza, ma viti e un trapano elettrico. Il Sedicente Moradi: ecco chi è lo street artist di Firenze che crea sculture con materiale di recupero, come rami secchi e foglie. L'intervista
Street artist Firenze - Il sedicente Moradi

All’inizio è comparso un “Tuffatore” di legno sulla pescaia di Santa Rosa. Poi è arrivato “L’uomo dell’autunno” alla rotonda Brunelleschi. E ancora: una sagoma antropomorfa in via del Campuccio creata con i “resti” della storica grandinata a Firenze; un cervo ligneo sulla pescaia che guarda Borgo Ognissanti; un orso in piazza Tasso realizzato con rami e foglie. 

Infine – nella notte tra lunedì 5 e martedì 7 ottobre - una gru ha fatto il suo “nido” su uno degli speroni di ponte alla Carraia (guarda la nostra gallery).

Dietro c’è sempre la stesa mano: un artista, che alle gallerie d’arte ha preferito la strada per mettere in mostra le sue creazioni. Fiorentino, 34 anni, vive in Oltrarno, si nasconde dietro uno pseudonimo: Il Sedicente Moradi.

Chi è il Sedicente Moradi

Alle spalle ha una formazione classica all’Accademia delle Belle Arti, tiene a precisare, ha iniziato come fumettista, in seguito è diventato pittore e infine uno scultore. Dalla scorsa primavera gira per Firenze con i ferri del mestiere. Niente tavolozza e pennello: il Sedicente Moradi nel suo zainetto ha una sega a mano, delle viti, un trapano elettrico. Crea le sue sculture con materiali di scarto, rami, foglie, arbusti, lasciati dalle potature o dopo la violenta grandinata di fine estate.

“È un materiale che mi piace molto, mi ispira – racconta - se vedo un pezzo di legno, un ramo tagliato so subito che figura può evocare. In qualche modo il legno mi parla. È creativo”. Da 15 anni realizza opere artistiche, adesso si guadagna da vivere creando pezzi unici di arredamento (“Con l'arte soltanto non si arriva a fine mese”, dice ridendo). Solo da una manciata di mesi dietro consiglio di Clet  - il celebre street artist dei cartelli stradali – ha scelto le vie e le piazze della città per la sua "mostra personale".

Perché è diventato uno street artist

“A darmi uno stimolo è stata soprattutto la voglia di uscire dallo studio, la noia del circuito delle gallerie d’arte e il bisogno di vedere la reazioni vere delle persone – spiega – quando lavoro in strada mi avvicinano molti e le risposte che ho avuto sono state sorprendentemente positive. Firenze è una cornice perfetta per le opere d’arte, uno studio perfetto, una grande incubatrice artistica”.

Street artist Firenze - Il sedicente Moradi, murales Madonna San Giusto

Foto: Il Reporter - GC

Il murales “delle Bagnese”

Una delle "recensioni" positive è arrivata per il murales che ha creato al confine tra Firenze e Scandicci, all’incrocio tra via di Torregalli, via del Ponte a Greve e via delle Bagnese: una Madonna con bambino (e tubo rosso). “La padrona di casa ha mandato via i muratori che stavano per chiudere il buco e mettere a posto il muro, per lasciare l’opera lì dov’era - racconta con orgoglio Il Sedicente Moradi - non ho mai avuto degli apprezzamenti di questo genere quando esponevo in galleria”.

7 ottobre 2014
articoli correlati

Arno protagonista con l'arte contemporanea

Va avanti fino a novembre il Progetto Riva, che racconta il fiume con gli occhi di artisti, performer e paesaggisti. 

Cosa fare a Firenze prima che finisca l'estate

Non è troppo tardi: monumenti e locali da provare prima che l’autunno se li porti via. Dal cocktail all'aperto alla gita sui ''tetti'' della città, guida alle  ultime occasioni dell'estate a Firenze

'Icché Ci Vah Ci Vole' a Villa Favard

Per 3 giorni musica live, teatro itinerante, street art e arti figurative. ‘Icchè Ci Va Ci Vole’ è un festival organizzato da volontari e realtà associative per valorizzare spazi dimenticati
quartieri di firenze
Primo piano

Un’ottima Fiorentina pareggia a Napoli

Dopo il pareggio a Roma contro la Lazio ancora un pareggio, prestigioso ed importante al San Paolo contro il Napoli. Per i viola il quarto risultato utile consecutivo
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Focus
Agenda
L'intervista
Cibo
Focus

Vasari e la nuova luce nel Salone dei Cinquecento foto

Palazzo Vecchio celebra il nuovo impianto di illuminazione del Salone dei Cinquecento con un singolare incontro tra il pubblico e Giorgio Vasari. Due le repliche dello spettacolo

Abbonamento al teatro? I ragazzi pagano meno (con un concerto pop)

Dopo il successo della prima edizione, torna il progetto 'Il Teatro? Bella Storia'. Un abbonamento in 'versione teenager': 7 spettacoli più un concerto di Jovanotti o Allevi a un prezzo speciale

Dove fare una festa di compleanno per bambini a Firenze

Non è facile organizzare una festa di compleanno per bambini durante l’inverno. A Firenze tante idee per spegnere le candeline in location al chiuso, senza rinunciare al divertimento

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina