sabato 29 aprile 2017

Oblate, via ai lavori del secondo lotto

Diventerà una delle biblioteche più grandi d'Italia, con una superficie riservata ai libri che sarà raddoppiata, dai 2mila attuali a 4mila metri quadri. Oggi l'inaugurazione del secondo dei quattro cantieri previsti
Andrea Tani

Diventerà una grande e moderna biblioteca a scaffale aperto, sul modello delle maggiori realtà europee e una delle più grandi in Italia, con la superficie adibita ai libri che presto verrà raddoppiata dagli attuali 2.000 a 4.000 metri quadrati. Viene inaugurato oggi il secondo lotto del progetto “Grandi Oblate”, destinato a cambiare il volto della biblioteca di via dell'Oriuolo.

Nuova sala conferenze

I lavori del secondo lotto, finanziati dall’Ente Cassa di risparmio di Firenze, costeranno un milione di euro e riguardano la realizzazione di una nuova sala conferenze da 200 posti al piano terra, dove si trova attualmente il Museo Firenze com’era, e una sala accoglienza, sempre al piano terra, pensata secondo nuovi criteri di accesso, controllo dei flussi, orientamento e servizi informativi di base. Qui verrà collocato l'affresco della Porta al Prato, staccato e restaurato, al quale presto potrebbero essere affiancati altri affreschi provenienti dall’interno delle porte storiche della città. Verrà poi riorganizzato il patrimonio librario contemporaneo al primo piano e inaugurata una nuova sezione scientifica e tecnica al secondo piano, nella ex sezione bambini.

Quattro lotti, quasi 3 milioni

Il progetto “Grandi Oblate” prevede quattro lotti di lavori per spostare altrove gradualmente le funzioni estranee alla biblioteca e rimodulare gli spazi in modo da valorizzare al massimo la funzione libraria insieme all’importanza culturale e sociale del complesso per l'intera città. L’importo complessivo dei lavori è di 2.750.000 euro, di cui due milioni finanziati dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Il primo lotto dei lavori è già stato ultimato ha permesso il recupero dell’ex ala romana del Museo Firenze com’era (già trasferito, col nuovo nome di ‘Tracce di Firenze’, al piano terra di Palazzo Vecchio nel marzo 2012), destinandola alla nuova “sezione bambini e ragazzi”.

Via al secondo lotto

All’inaugurazione del secondo lotto, prevista oggi alle 17, sarà presente il sindaco Dario Nardella. Seguirà un concerto della filarmonica Giuseppe Verdi diretta dal maestro Orio Odori e la lettura animata con marionette ‘Dante in biblioteca: percorso infernale!’, a cura dell’associazione Culturale Teatrolà, mentre alle 19 ci sarà la visita guidata alla biblioteca a cura dell’associazione culturale Akropolis.

3 giugno 2015
articoli correlati

Il libro della vita? Se ne parla a Scandicci

La terza edizione dell'iniziativa si svolgerà per undici domeniche, dal 20 novembre al 2 aprile 2017

Ventidue volte ''Leggere per non dimenticare''

Via alla nuova stagione dell'iniziativa, incentrata sul ''valore del libro''. Ecco alcuni degli appuntamenti in programma

Le biblioteche del quartiere fanno rete video

Le case dei libri si fanno in tre: il Quartiere 5 promuove un cartellone unico di iniziative. Intanto tornano le ''Cantine in piazza'', i mercatini fai-da-te dei cittadini in 4 diversi luoghi
quartieri di firenze
Primo piano

DOMENICA 30 APRILE ARRIVA LA “GUARDA FIRENZE” NUMERO 45

La corsa di 10 e 3 chilometri con partenza e arrivo in piazza Duomo
news
Il Reporter dei piccoli
La città che cambia
Strade
Arte
Focus

All’Isolotto il carnevale è ''per la pace'' video

Centinaia di persone, grandi e piccoli, hanno sfilato da piazza dell’Isolotto a Villa Vogel per il tradizionale corteo di carnevale organizzato dal Quartiere 4 

La storia di ''Don Cuba'' in 3 eventi video

Tre giorni per ricordare ‘’Don Cuba”, al secolo Don Danilo Cubattoli, il sacerdote fiorentino che aiutò gli ultimi, tra mostre fotografiche e camminate GUARDA IL VIDEO

Festa dell’albero nel Q5: coinvolti 220 bambini video

Tappa finale del progetto che ha interessato i piccoli di 4 scuole elementari con incontri, laboratori e l’arrivo di nuovi alberi nei giardini

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina