giovedì 19 ottobre 2017

A Lucca la festa della cooperazione

Sabato 15 ottobre in programma una giornata di confronto e divertimento che vuol mettere in luce il funzionamento di questo modello di azione
Elisa Squarzolo

Sabato 15 ottobre, a Lucca, si celebrerà la festa della cooperazione, una giornata di confronto e divertimento che vuol mettere in luce il funzionamento di questo modello di azione.

l'attività

L'attività svolta dall'Alleanza delle cooperative toscane, nel settore lavorativo, dell'educazione, dell'assistenza e dell'accoglienza, mostra dati positivi: “Quasi sedicimila bambini da 0 a 6 anni, 10.000 anziani, 3.150 migranti e oltre 2mila soggetti svantaggiati occupati nelle cooperative di tipo B” sono tutelati dall'azione delle cooperative, come afferma Roberto Negrini, presidente Alleanza Cooperativa Toscana.

Sono 2.416 le cooperative toscane aderenti a Confcooperative, Legacoop e A.G.C.I. che fanno parte dell’Alleanza delle Cooperative Toscana, nata a ottobre 2013.

la giornata

Il 15 ottobre sarà una giornata intensa e piena di iniziative ed eventi, il cui fulcro sarà il Loggiato di Palazzo Pretorio in Piazza San Michele. La giornata si apre alle 10 alla Camera di Commercio di Lucca con l’assemblea dei delegati dell’Alleanza delle Cooperative Toscana, la presentazione dei dati sulla presenza cooperativa toscana e una tavola rotonda dedicata ad alcune esperienze di sociability sul territorio.

Saranno molti gli stand enogastronomici che consentiranno di assaggiare le prelibatezze toscane e non solo, ma lo spazio sarà dedicato anche all'intrattenimento dei più piccoli con laboratori, letture e attività di baby-sitting. Lucca, le cui memorie brillano nell'architettura delle sue strutture, potrà essere visitata dai partecipanti con visite guidate nel centro storico.

prima volta a Lucca

La festa della cooperazione fa tappa per la prima volta a Lucca dopo le tappe di Firenze nel 2013 e 2014 e Livorno nel 2015. Il tema centrale di questo 2016 è quello della sociability, “ovvero la capacità di creare valore aggiunto in termini di relazioni sociali sul territorio da parte del mondo cooperativo”, viene spiegato. L'attività delle cooperative “costantemente impegnate nella tutela del patrimonio storico e artistico, nelle scuole, nel campo della formazione e dell’educazione al consumo, illustrano chiaramente il ruolo della cooperazione nella vita sociale dei cittadini. Un ruolo di cui siamo orgogliosi e che vogliamo continuare a svolgere con il massimo della qualità e della passione”, sottolinea Negrini.

14 ottobre 2016
articoli correlati

Chi sono i super influencer di Firenze foto

Corteggiati dal marketing, seguitissimi sui social, soprattutto dai giovani. Chi sono i 3 influencer più attivi di Firenze? Li abbiamo incontrati per capire qual è il segreto del loro successo

Quando i restauratori sono in periferia foto

Via dall'Oltrarno, le botteghe traslocano dove meno te le aspetti. Il nostro reportage sull'asse del restauro tra via Bronzino e via Baccio da Montelupo

Alleanza "bio" tra Toscana ed Emilia video

Presentato Ortofrutta Toscana Bio, un progetto per valorizzare i prodotti naturali dalla terra alla tavola. Aderiscono aziende di qua e di là dall'Appennino, previsti oltre 2 milioni di investimento
quartieri di firenze
Primo piano

Chi sono i super influencer di Firenze

Corteggiati dal marketing, seguitissimi sui social, soprattutto dai giovani. Chi sono i 3 influencer più attivi di Firenze? Li abbiamo incontrati per capire qual è il segreto del loro successo
news
Focus
Agenda
Trend
Cibo
Focus

Fiera di San Luca: a Impruneta l’edizione 2017

8 giorni di eventi, per una festa millenaria: cibo, eventi culturali, mercato del bestiame e la gara tra i rioni. In occasione della Fiera di San Luca apre anche il percorso Impruneta sotterranea

Vendemmia 2017 in Toscana: previsioni agrodolci

Per l’annata 2017 dagli scaffali scompariranno in media 2 bottiglie su 5. Siccità e gran caldo hanno ''ristretto'' la vendemmia in Toscana. le previsioni sul vino che sarà

Classica e jazz: 2 rassegne da non perdere

Dalle note barocche fino ai mostri sacri del jazz internazionale. Tra la Pergola e la Sala Vanni di Firenze una serie di appuntamenti musicali da non perdere

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina