domenica 17 dicembre 2017

Bagno a Ripoli dà il suo ''Oscar'' a Bertolazzi

Il sindaco Francesco Casini ha consegnato le Chiavi della Città ad Alessandro Bertolazzi, il make up designer che ha vinto la prestigiosa statuetta per il miglior trucco in ''Suicide Squad''
Redazione
Alessandro Bertolazzi Oscar Bagno a Ripoli

È nato a Vercelli, ma è legato a doppio filo con la Toscana. “Bagno a Ripoli e Firenze sono le mie città adottive. Mi hanno visto crescere  artisticamente. Come tributo a questa terra, non a caso, ho deciso di chiamare mio figlio Lorenzo”. A parlare è il Premio Oscar Alessandro Bertolazzi, per oltre vent'anni residente insieme alla moglie Giovanna nella frazione di Osteria Nuova a Bagno a Ripoli.

A lui, ieri sera, il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini ha consegnato le Chiavi della Città in un Teatro dell'Antella pieno di persone. Bertolazzi ha spiegato: “In tutti i miei lavori c'è un po' di Bagno a Ripoli, c'è lo studio artigianale che avevo quando abitavo qui, che mi ha ispirato e continua a ispirarmi. Ogni volta che inizio un nuovo lavoro parto da quel laboratorio, cerco di ricrearne l'atmosfera ovunque vado e ovunque vivo”.

Guarda le foto della consegna delle Chiavi della Città a Bertolazzi

Un concittadino da Oscar

Il sindaco Casini si è detto “onorato di avere un concittadino da Oscar che ha trascorso a Bagno a Ripoli tanti anni. Un talento e un uomo eccezionale, che ancora oggi dimostra un grande attaccamento alla nostra comunità e ha lasciato un segno profondo, testimoniato dalle tantissime persone accorse a rendergli omaggio”. 

Sul palco, accanto a Bertolazzi e Casini, intervistati dal giornalista Enrico Zoi, la “statuetta” che il make up designer si è aggiudicato per il miglior trucco nel film Suicide Squad. “Non mi aspettavo di vincere l'Oscar – ha detto Bertolazzi – Ai più giovani, che magari vogliono percorrere la mia stessa strada, vorrei dire che non servono solo le scuole di trucco per imparare questo mestiere. Studiate, guardate le opere d'arte, guardate tanti film, anche quelli in bianco e nero, non restate mai fermi”.

Il "sindaco bambino"

Poi un aneddoto. “Diversi anni fa, capitò di andare a trovare alcuni amici che abitavano vicino alla Chiesa di San Quirico a Ruballa. Mi presentarono un bambino dicendomi 'Ecco il futuro sindaco'. E in effetti, avevano ragione perché quel bambino era il sindaco Casini, anche se più piccoletto..”.

30 marzo 2017
articoli correlati

A Firenze è tempo di festival

Dopo la ''pace'' di agosto la città si riaccende con tanti eventi, dalla moda alla tecnologia, passando per la musica e il Dalai Lama

Il cinema Odeon riapre con Bocelli e il Dalai Lama

Dopo le ferie, si riaccende il proiettore della storica sala nel centro di Firenze, tra ospiti illustri, anteprime ed eventi speciali, come quello legato alla visita fiorentina del Dalai Lama

Il Teatro della Compagnia casa del cinema foto

Una nuova sala a Firenze: i festival della 50 Giorni lasciano l’Odeon e si trasferiscono in via Cavour. Nasce ''La Compagnia casa del cinema della Toscana'', tutta nel segno del ''doc''
quartieri di firenze
Primo piano

I mercatini di Natale da non perdere a Firenze durante il weekend

Solidale, vintage, glamour o a km 0? Dal centro alla periferia, sono tanti i mercatini di Natale dove fare shopping questo fine settimana a Firenze. Mini guida con tutte le date e gli orari
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Focus
Agenda
Editoriale
Green
Focus

Studenti-cantanti e un cd contro la violenza di genere video

Per il progetto 'Mai in silenzio: la musica contro la violenza di genere' 60 studenti di 6 licei toscani hanno realizzato un disco con sei brani musicali sul tema, grazie all'aiuto di tutor d’eccezione

Capodanno 2018: Firenze in piazza con Meta, Morgan e Gualazzi

Tris di nomi per il concerto al piazzale Michelangelo. Il countdown per il Capodanno 2018 a Firenze si passerà in piazza, dall'Oltrarno a Gavinana

Lorenzo Baglioni e Sanremo: ‘No alle domande sul congiuntivo’ video

Il cantante e attore toscano è tra i giovani finalisti che si giocheranno la partecipazione a Sanremo 2018. Suo malgrado, abbiamo sottoposto Lorenzo Baglioni a un test di congiuntivo

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina