domenica 17 dicembre 2017

Cosa non sapete su Sorgane (che compie 60 anni)

Doveva essere grande il triplo e avere anche il 'gemello' del piazzale Michelangelo. 60 anni fa nasceva il quartiere popolare di Sorgane. Storia e curiosità di questo rione a sud di Firenze
Sorgane Firenze sud 60 anni

Foto: Gianni Carpini

Tanti  auguri,  Sorgane:  il  9  giugno  compie  sessant’anni. Il primo masterplan del quartiere nacque sulla carta sessant’anni fa, contemplava anche un “secondo” piazzale Michelangelo e 40 ettari di città fuori dalla città. Prima dell’arrivo della “Nave”, della “Torre” e degli altri giganti di cemento, nella tenuta di Sorgane, come veniva chiamata allora, c’erano solo campi e una villa. All’inizio del Novecento si contavano appena 160 abitanti.

L’idea alla base della nuova “città satellite” fu discussa il 9 giugno del 1957 in occasione del convegno nazionale “Firenze, Sorgane e il Piano regolatore” da 37 architetti e ingegneri, coordinati da Giovanni Michelucci. Tra loro anche importanti firme come Leonardo Ricci e Leonardo Savioli, oltre a Ferdinando Poggi, nipote del Giuseppe che ha disegnato il volto di Firenze Capitale.

Data per data, guarda la foto-storia di Sorgane

Sorgane, come doveva essere

Il progetto di Sorgane era imponente, immaginava un grande quartiere popolare autonomo: case, servizi, negozi e chiesa tra la pianura e le colline, dove era previsto il piazzale panoramico. Così non fu. “Sorgane appartiene alla storia dei conflitti urbanistici, fu molto discussa”. Giancarlo Paba, presidente della Fondazione Michelucci e urbanista, seguì il dibattito quando ancora era studente.

Spiega: “Ci fu un forte contrasto con la filosofia di pianificazione di Edoardo Detti (urbanista e, al tempo, consigliere comunale ndr). Detti immaginava che la città nuova dovesse svilupparsi sull’asse a nord-ovest, lungo pianura, con ampliamenti limitati sulle altre direttrici”.

Figlia di un compromesso

Lo scontro durò 5 anni e Sorgane fu figlia di un compromesso: non più 12mila abitanti, come previsto inizialmente, ma 4mila residenti e ventisette mega-complessi. Oggi questa storia travagliata è diventata un caso di studio, i mastodontici edifici di Ricci e Savioli sono finiti sui libri di architettura.

Paola Ricco, docente a contratto all’Università di Firenze, dopo una tesi di dottorato sul tema sta continuando la sua indagine. “Sorgane rappresenta un frammento di storia dell'architettura, con le sue macrostrutture e il cemento a vista, è specchio di un momento culturale – sottolinea – ma testimonia anche una parte importante della storia urbanistica fiorentina”.

Uno sviluppo travagliato, come successo in altre aree di edilizia popolare. “Sorgane ha cominciato a vivere con difficoltà – continua Ricco - i servizi sono arrivati tardi, all’inizio mancavano del tutto”. Ma cosa rimane di Sorgane sessant’anni dopo?  “Come tutte le periferie – osserva Ricco - è un’area che offre  spunti per il progetto, ad esempio nella gestione dello spazio pubblico. La riqualificazione di piazza Istria è stata un'occasione importante, ma si deve continuare a lavorare in questa direzione”.

6 giugno 2017
articoli correlati

Sorgane compie 60 anni, una giornata per ''scoprirla''

La Fondazione Architetti Firenze dedica una giornata al progetto architettonico di Leonardo Savioli e Leonardo Ricci

Il progetto per piazza dell’Isolotto? Un tappeto volante foto

Smart e attraversata da una lunga pista ciclabile. Ecco il progetto vincitore del concorso per piazza dell'Isolotto

Cercasi idee per cambiare piazza Pier Vettori video

Entra nel vivo il percorso di partecipazione per il piazzone al confine del Quartiere 4. Appuntamento clou il 27 maggio per l'assemblea pubblica.
quartieri di firenze
Primo piano

I mercatini di Natale da non perdere a Firenze durante il weekend

Solidale, vintage, glamour o a km 0? Dal centro alla periferia, sono tanti i mercatini di Natale dove fare shopping questo fine settimana a Firenze. Mini guida con tutte le date e gli orari
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
9 giugno 1957
Viene presentato il primo masterplan per Sorgane
Focus
Agenda
Editoriale
Green
Focus

Studenti-cantanti e un cd contro la violenza di genere video

Per il progetto 'Mai in silenzio: la musica contro la violenza di genere' 60 studenti di 6 licei toscani hanno realizzato un disco con sei brani musicali sul tema, grazie all'aiuto di tutor d’eccezione

Capodanno 2018: Firenze in piazza con Meta, Morgan e Gualazzi

Tris di nomi per il concerto al piazzale Michelangelo. Il countdown per il Capodanno 2018 a Firenze si passerà in piazza, dall'Oltrarno a Gavinana

Lorenzo Baglioni e Sanremo: ‘No alle domande sul congiuntivo’ video

Il cantante e attore toscano è tra i giovani finalisti che si giocheranno la partecipazione a Sanremo 2018. Suo malgrado, abbiamo sottoposto Lorenzo Baglioni a un test di congiuntivo

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina