mercoledì 18 ottobre 2017

Inferno Run 2017: corsa per marines? No, per famiglie

Dentro la corsa a ostacoli più ''diabolica'': l’Inferno Run. A Firenze l’appuntamento è per il 21 e 22 ottobre alla Visarno Arena. E c’è chi ha coinvolto l’intera famiglia
Redazione

Pozze di fango, container di ghiaccio, scivoli, monkey bar, muri. Ostacoli che sembrano insormontabili. No, non è un percorso di addestramento per marines. È la Inferno Run, una corsa ad ostacoli che potrebbe impensierire anche gli atleti più allenati, ma che in realtà si rivolge ad una sempre più ampia platea di sportivi (il 30% costituita da donne).

3mila i partecipanti attesi in questa sesta edizione prevista per il 21 e il 22 ottobre 2017 alla Visarno Arena di Firenze. Fra di loro tanti personaggi fra cui Andrea Pacini, che ha corso le ultime due Inferno in carrozzina supportato dagli amici dell'associazione Spingi la Vita, e il paratleta Constantin Bostan, che lo scorso anno ha corso in stampelle.

Nella due giorni di Firenze  troviamo anche Marco Wild Stefani (nella foto), che quest'anno correrà la gara con tutta la sua famiglia al completo. Dietro ad un volto coperto di fango si cela un uomo innamorato dello sport e delle sfide. Ex campione italiano di culturismo prestato poi al mondo delle OCR (le discipline sportive in cui sono annoverate le gare come la Inferno Run), Marco, insieme alla moglie Cristina, è riuscito a contagiare tutta la famiglia grazie a questa sua passione.

Inferno Run 2017: a Firenze c'è chi la corre in famiglia

“Lo sport per noi è vita, è condivisione, amicizia a anche lavoro – dice -. Insieme a mia moglie e al mio amico Andrea Santini gestisco una palestra in cui pratichiamo Pilates. Qui abbiamo elaborato un nuovo metodo di allenamento che sia chiama CrossWild. Non vi è lavoro più bello al mondo che insegnare i giovani e soprattutto ai non più giovani o ai diversamente giovani come utilizzare al meglio il loro corpo per superare gli ostacoli, di qualsiasi tipo. Mentali o fisici”.

E poi c'è la componente umana ed emozionale, che in queste gare è la vera vincitrice. Perché insieme gli ostacoli si superano più facilmente. “Nelle gare - continua Marco - ho scoperto che il fango, il sudore, la fatica legano le persone, creando fantastiche amicizie. Grazie a queste gare ho trovato e ho conosciuto persone meravigliose. Impossibile elencarle tutte, la lista è veramente lunga, ma quando ci troviamo alle gare ci scambiamo abbracci veri. Io sono un uomo fortunato e corro sempre con il mio socio di fango Marco Bragetta, poi sono riuscito a correre con mio figlio Pietro con cui ho già fatto tre gare, con mia moglie Cristina invece abbiamo corso la passata edizione della Inferno. Un'emozione davvero unica. Adesso Sofia, la piccolina di casa, non vuole essere da meno e prenderà parte insieme a tutta la famiglia alla prossima Inferno partecipando alla Baby Inferno, sporcandosi di fango, senza rischiare di essere sgridata”.

L'Inferno Run prevede la corsa competitiva da 9 chilometri, quella non competitiva sempre da 9 chilometri e l'Inferno short da tre chilometri. Informazioni e iscrizioni sul sito dell'Inferno Run 2017 nella sezione dedicata a Firenze.

3 ottobre 2017
articoli correlati

Le piscine di Firenze a misura di bambino

Vasche in versione baby oppure gonfiabili e giochi a disposizione dei piccoli bagnanti. Mini guida alle piscine di Firenze adatte anche alle famiglie e ai bambini

Fondazione Artemio Franchi sponsor di Piaggeliadi 2017

Un progetto riservato ai giovani studenti toscani dai 6 al 12 anni che si cimenteranno nella nella mini-olimpiade in programma dal 2 aprile al 20 maggio 

Se l'Inferno Run è anche ''baby''

A Firenze anche la versione kids dell'Inferno Run, la corsa ''diabolica'': per arrivare al traguardo ci sono da superare tanti ostacoli 
quartieri di firenze
news
Focus
Agenda
Trend
Cibo
Focus

Vendemmia 2017 in Toscana: previsioni agrodolci

Per l’annata 2017 dagli scaffali scompariranno in media 2 bottiglie su 5. Siccità e gran caldo hanno ''ristretto'' la vendemmia in Toscana. le previsioni sul vino che sarà

Figurinisti, modellisti e fashion designer: l'86% trova lavoro a sei mesi dal diploma

Secondo la ricerca dell'Istituto Modartech, chi sa fare un lavoro manuale ha più chance di veder realizzati i propri desideri

Classica e jazz: 2 rassegne da non perdere

Dalle note barocche fino ai mostri sacri del jazz internazionale. Tra la Pergola e la Sala Vanni di Firenze una serie di appuntamenti musicali da non perdere

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina