martedì 17 luglio 2018

L'ultimo dinosauro dell'età del ferro

Viaggio in una delle poche fonderie di Firenze ancora attive: la fonderia Galardi, ai 'piedi' di Ponte all'Indiano
Tiziana Alma Scalisi
Fonderia Galardi

Omero Galardi si definisce l’ultimo dei dinosauri. “Portate i ragazzi delle scuole prima che muoia l’ultimo dino” scherza. Omero ha sempre il sorriso sulle labbra, ma è un sorriso amaro, il suo, mentre vede spegnersi un’arte nell’indifferenza generale, e in una lenta agonia.

“La fonderia Galardi è nata nel 1948 dal babbo Enzo. Io sono entrato qui nel ’68 come garzone di bottega e quest’anno sono 50 anni. All’inizio c’erano 18 operai compresi il babbo e lo zio, poi nel 1985 c’è stato il passaggio di consegne. Fino al 1986 abbiamo fuso con un forno tradizionale, il 'cubilotto a carbon coke' poi per problemi di inquinamento siamo stati i primi in Italia a mettere un forno rotativo oximetan, che adopera ossigeno e metano invece che carbone. In Toscana c’erano 15 fonderie poi la crisi e il lavoro è cambiato e da 14 dipendenti siamo arrivati a cinque a mezza giornata. Non ho perso nessun cliente (sono un terzista), ma lavorano tutti molto meno e sono già 15 anni che di fonderie in Toscana non ce ne sono più a livello artigianale. È un lavoro che va a finire, io dico per scherzo che sono uno degli ultimi dinosauri”.

I segreti della fonderia

“Nell’immaginario collettivo la fonderia viene dopo la miniera – continua – la verità e che si può lavorare durando la giusta fatica ma con soddisfazione”. La fonderia è il luogo del fuoco, dove la materia si trasforma e le idee prendono forma: “Da una manciata di sabbia e con l’aiuto del fuoco si realizzano le forme - la ghisa fonde a 1250 gradi ma deve essere portata a 1400 per poter essere colata nelle forme -, è come se tutti i giorni fosse Pasqua perché quando le forme vengono aperte c’è sempre una sorpresa: e se non fossi stato bravo a fare la forma, o nella composizione della ghisa, o ad aprire l’uovo? Tutto il tempo occorso alla preparazione andrebbe perso e bisognerebbe cominciare daccapo. La tecnologia nel corso degli anni ci ha aiutato, un tempo gli strumenti erano lo spadule, il crocetto e le punte da fonderia, ma per formare un operaio ci volevano almeno 5-6 anni.
Questo mi ha insegnato il valore del tempo e dei soldi”.

Fonderia Galardi Firenze

"Si lavora sul fine"

Cosa serve per lavorare in fonderia? “Si lavora sul fine, quello che fa l’artigiano, la macchina non lo fa: ci vuole l’occhio, la mano e soprattutto tanto cuore. La sabbia, il sudicio, il fuoco – continua Galardi - sono tutte cose vive ma che si accendono solo grazie alle mani dell’artigiano, sennò restano carbone, minerale di ferro e sabbia del lago. Se non c’è l’alchimia le cose restano quelle che sono, la fonderia è uno di quei pochi lavori che vuol vedere l’uomo in faccia e al primo errore non perdona”. Uno stregone e un alchimista: per i bambini un’occasione davvero da non perdere.

22 novembre 2017
articoli correlati

Chi viene e chi resta tra le botteghe delle Cure foto

Dallo storico orologiaio al giovane liutaio. I negozi del rione fiorentino delle Cure custodiscono tante storie. Noi ve ne raccontiamo alcune

'Siamo operai del bello': 3 storie di artigiani fiorentini foto

C'è chi delle piume ha fatto un'arte e chi scolpisce pezzi unici. Per 'scattare una fotografia' dell'artigianato artistico fiorentino abbiamo visitato tre differenti realtà 

Quella chiesa di campagna... in città foto

All'Isolotto c'è chi la chiama la ''cappellina''. L’oratorio della Madonna della Querce è uno scrigno di storia, la prima chiesa del quartiere. Ora apre le sue porte per le visite il sabato
quartieri di firenze
Primo piano

Parte la tramvia per Careggi, 15 giorni gratis

Lunedì 16 luglio parte ufficialmente la linea 3 (ora T1 Leonardo). La mappa delle fermate, gli orari, i percorsi e i biglietti. E un piccolo "regalo": per i primi 15 giorni si viaggia gratis sulla nuova tratta
news
Zoom
Agenda
Storie
Area metropolitana
Focus

Il Florence Folks Festival balla alla Manifattura Tabacchi

Per la prima volta la balera più movimentata di Firenze arriva nella Manifattura Tabacchi: 4 giorni di concerti e iniziative a ingresso libero per il festival che unisce tradizione e contemporaneità

Gli eventi nel parco di Poggio Valicaia

Di mattina teatro, di sera apericena seguiti da spettacoli e osservazioni del cielo. Nel parco sulle colline di Scandicci un programma di appuntamenti per l'estate

Come cambiano i percorsi dei bus Ataf con le nuove linee della tramvia

Un bus viene soppresso, nascono 3 nuovi collegamenti mentre altri 9 cambieranno capolinea. Novità anche per le fermate dei pullman extraurbani. Linea per linea tutte le modifiche al servizio Ataf

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina