venerdì 20 luglio 2018

Siamo tutti masterchef

Tra qualche anno passeremo un veg-Natale? Mentre si avvicina la maratona culiniaria delle feste, il direttore de Il Reporter, Francesca Puliti, fa il punto sulle tavole fiorentine. L'editoriale di dicembre
Francesca Puliti

Pare che tra un paio di Natali mangeremo tutti carnenoncarne, al 100% vegetale, ma che nell’aspetto, nella consistenza e perfi no nel modo di “sanguinare” sembrerà tal quale alla carne. Negli Stati Uniti i primi adepti salutisti già si affollano in lunghe file davanti ai ristoranti che servono "Impossible burger”: così si chiama l’hamburger “finto” creato da una start-up che promette di macinare fatturato (anziché manzo) nei prossimi anni. E il fatto che tra i finanziatori ci sia Bill Gates accredita la previsione.

Probabilmente per il veglione 2019 porteremo in tavola “veg-capitoni” e “impossible tortellini”. Nel frattempo ci prepariamo a metterci a fornelli per la più classica delle maratone culinarie all’italiana (vedi servizio a pagg. 4-5 del nostro mensile), sfoderando tutto il nostro talento da provetti masterchef.

Già perché a suon di #foodporn, cucine da incubo e chef da combattimento ci sentiamo tutti in competizione per il miglior cappone. Non è solo colpa nostra: il cibo è diventato il protagonista assoluto degli anni 2000. Un po’ come succedeva con il sesso e le belle donne negli anni Ottanta: accendi un canale a caso in fascia protetta e ti trovi di fronte a un’orgia di tartare, ganasce, mousse di plancton. Perfino i fiori hanno ritrovato una nuova vita nel piatto, diventando tutto a un tratto edibili. E siccome in questa marea di ristorantini gourmet rischiamo di perdere la rotta, ecco che piovono guide per orientarci: cappelli dell'Espresso, Stelle Michelin e via dicendo.

Gli chef sono le nuove rockstar e gli emulatori sono in crescita esponenziale. Di certo non mancheranno le occasioni per sperimentare nelle prossime festività. Ma visto che siamo già in aria, facciamo un buon proposito per l’anno nuovo: rivalutiamo il collezionismo, la pittura, l’uncinetto, troviamoci un hobby che non includa il riempirci la bocca di grandi teorie e lo stomaco di piatti complicati. E possibilmente che non necessiti lo scatto di ripetuti e orgogliosi selfie o la creazione
di nuovi hashtag improbabili.

12 dicembre 2017
articoli correlati

Nostradamus 4.0: il 2018 che sarà

Uno sguardo all'anno che è arrivato tra previsioni (strampalate o realistiche che siano) e buoni propositi. L'editoriale, il primo del 2018, firmato da Francesca Puliti, direttore de il Reporter

Il Reporter in onda su Radio Firenze

Ogni giorno una pillola per raccontare, in radio, la vita dei quartieri fiorentini. La nuova trasmissione è in onda da lunedì 25 settembre

Cosa resterà di queste ferie

Tra like e selfie, le vacanze contemporanee non sono più quelle di una volta? Al rientro in città le ferie hanno però lasciato traccia di una lezione importante. L'editoriale di Francesca Puliti
quartieri di firenze
Primo piano

Rockin’1000 allo Stadio Artemio Franchi

La più grande rock band vivente (oltre 1000 musicisti) si incontra il 21 luglio allo stadio fiorentino per una grande "partita" giocata a suon di musica
news
Zoom
Agenda
CORSI
Area metropolitana
Focus

Il Florence Folks Festival balla alla Manifattura Tabacchi

Per la prima volta la balera più movimentata di Firenze arriva nella Manifattura Tabacchi: 4 giorni di concerti e iniziative a ingresso libero per il festival che unisce tradizione e contemporaneità

BeerRrenai 2018: concerti ed eventi nel parco di Signa

Nel parco dei Renai una festa della birra in versione maxi, con un mese di iniziative per grandi e piccoli. Sul palco tante cover band, tutto intorno mercatini, stand, cibo e ‘bionde’ artigianali

Come cambiano i percorsi dei bus Ataf con le nuove linee della tramvia

Un bus viene soppresso, nascono 3 nuovi collegamenti mentre altri 9 cambieranno capolinea. Novità anche per le fermate dei pullman extraurbani. Linea per linea tutte le modifiche al servizio Ataf

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina