venerdì 20 aprile 2018

I detenuti di Sollicciano a scuola di presepe

Un gruppo di reclusi diventano presepisti: al via il primo corso per 'natività in miniatura' all'interno del carcere fiorentino di Sollicciano. E per il prossimo anno c'è un progetto in cantiere
Tiziana Alma Scalisi
Presepe carcere di Sollicciano

Un presepio tra le mura del carcere. È quello che si è reso possibile grazie alla collaborazione tra l’Aiap (Associazione Italiana Amici del Presepio) e il carcere di Sollicciano a Firenze e che ha già coinvolto 10 detenuti.

“Un'iniziativa destinata a durare nel tempo – dichiara il Comandante delle guardie penitenziarie della Casa Circondariale di Sollicciano - per trasmettere questa passione anche a tutte le persone detenute che vorranno prendervi parte". Grazie ad alcuni soci AIAP del gruppo di Firenze e Prato ha preso il via il primo corso di arte presepiale a Sollicciano: i detenuti hanno formato una classe e si sono messi al lavoro per la costruzione di presepi che, almeno in questa fase, i reclusi regaleranno alle rispettive famiglie in occasione delle feste di Natale

Il progetto per il futuro: un presepe del carcere

"L'entusiasmo dei partecipanti si è mostrato in maniera crescente sin dalle prime fasi delle lavorazioni ed il grande impegno di ognuno ha portato a risultati che possono definirsi già di tutto rispetto”, aggiunge il comandante. Il progetto prevede una prima fase in cui i detenuti potranno cimentarsi con i materiali da utilizzare, con le attrezzature e con le principali tecniche di costruzione.

“E’ in programma - prosegue il comandante - la costituzione di un laboratorio permanente in cui i detenuti potranno costruire i loro presepi tutto l'anno, per raggiungere, in occasione delle festività dell’anno prossimo, l'ambizioso obiettivo della costruzione di un grande presepio visitabile dai cittadini ma anche la partecipazione a concorsi ed esposizioni. Tra i partecipanti al corso è presente anche qualche detenuto di fede musulmana: un messaggio di pace che va oltre ogni confine e al di là delle ideologie religiose”.

15 dicembre 2017
articoli correlati

Gli 'amici' che vogliono salvare il presepe

Quella del presepe è una tradizione ancora viva? Anche a Firenze è attiva l'associazione Amici del presepio che lavora per preservare questa usanza

A caccia delle luminarie più belle di Firenze foto

Per il Natale Firenze si veste a festa: luci per le strade, alberelli luccicanti, colorati addobbi. Abbiamo fatto un giro con il naso all'insù per scovare lungo le strade le migliori luminarie

Dietro le quinte del presepe più visitato foto

All’Argingrosso un gruppo di volontari sta finendo di preparare il presepe meccanizzato ai Bassi, uno dei più visitati a Firenze l'anno scorso. Intanto si cercano nuovi presepisti per proseguire la tradizione
quartieri di firenze
Primo piano

Gelato Festival 2018, i gusti in gara a Firenze

Dalla crema di Prato al ‘Ginger Power’ fino ai gusti buoni anche per chi è intollerante al latte: per 3 giorni al piazzale Michelangelo si potranno assaggiare le creazioni di 16 gelatieri
news
Con dolce forza - Mostra Bagno a Ripoli
Zoom
Agenda
Area metropolitana
Curiosità
Focus

Cos’è il consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno

Sono in arrivo le nuove ‘bollette’ per il contributo di bonifica: saranno recapitate a 500mila cittadini tra Firenze, Prato e Pistoia

Meteo pazzo: quanto sono affidabili le previsioni del tempo?

Esistono previsioni che ci 'azzeccano' sempre? Quali sono le più attendibili e quanti giorni coprono? Non esistono più le mezze stagioni? Le risposte alle domande più comuni sul meteo

Casa Guidi, dimora-museo per vacanze d'altri tempi

3 stanze sono aperte al pubblico 8 mesi l’anno, il resto della dimora storica può essere affittato per una vacanza d’altri tempi. Viaggio dentro Casa Guidi, piccolo gioiello dell’Oltrarno fiorentino

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina