martedì 19 marzo 2019

Le novità del Museo Novecento e delle Murate

''Sarà un laboratorio dinamico, aperto a giovani artisti''. La nuova stagione artistica del Museo Novecento e delle Murate nelle parole dei due direttori artistici: Sergio Risaliti e Valentina Gensini
Barbara Biondi
Museo Novecento Firenze Murate

Nuova guida al timone del Museo Novecento, che dall’inizio di questo anno passa alla direzione artistica di Sergio Risaliti, storico e critico d’arte già curatore e ideatore di alcune delle mostre e degli eventi culturali più celebrati e discussi degli ultimi anni (Da Ytalia al Forte Belvedere a Urs Fisher, Jan Fabre e Jeff Koons in piazza della Signoria, solo per citarne alcune).

“Quella del Novecento è una sfida importante – ha detto Risaliti a Il Reporter -. L’obiettivo più ambizioso è quello di abbattere la staticità di cui soffre oggi il Museo. Deve diventare un laboratorio assai più dinamico, più vitale, in cui il visitatore possa entrare e possa tornare richiamato da una serie di attività che si generano costantemente all’interno dei suoi spazi. È un luogo importante, in una piazza straordinaria, lungo una direttrice che lo lega al cuore del centro storico e ai musei più importanti della città. C’è un grande potenziale”. 

Arte ma non solo. Didattica e mediazione culturale saranno (e sono già adesso, grazie al lavoro dell’associazione Mus.e) i fiori all’occhiello della proposta culturale del Novecento, perché “uno degli step fondamentali passa certamente dalla formazione del pubblico che intendiamo intercettare. Fiorentini quindi, ma anche turisti. C’è materiale a sufficienza per soddisfare varie tipologie di pubblico. E poi progetti ambiziosi per uno spazio impegnativo ma bellissimo, che merita di essere valorizzato”.

A breve verrà presentato il nuovo programma espositivo e gli eventi collaterali, che continueranno ad albergare tra le mura del complesso delle ex leopoldine: collezionismo privato, il disegno degli scultori nel Novecento, una diversa concezione museologica per quanto riguarda le collezioni municipali, focus dedicati ai grandi protagonisti del Novecento italiano e non, interventi site specific di giovani artisti e altro ancora cercando di far funzionare il Museo come palestra e laboratorio per studiosi, curatori, critici e artisti.

Valentina Gensini

Residenze d’artista e viaggi immaginari: Le Murate nell’era Gensini

Mostre internazionali, residenze d’artista, collaborazioni con i più importanti istituti culturali
fiorentini e non solo. E poi una sequenza di visite guidate e laboratori aperti a tutti, da 0 anni in su, per avvicinare tutti (ma proprio tutti) all’arte contemporanea.

È questo lo spirito con cui comincia il 2018 de Le Murate. Progetti Arte Contemporanea, spazio aperto alla città in un luogo che è stato troppo a lungo sinonimo di reclusione. È così che, nelle intenzioni del suo direttore artistico, Valentina Gensini, Le Murate diventano sempre più luogo di condivisione, apprendimento e connessione con i nuovi linguaggi del contemporaneo.

“Attraverso il corpus di iniziative in programma, che crescono di anno in anno – ha detto Valentina Gensini – facciamo in modo che le mura di questo complesso parlino a chi avrà voglia di ascoltarle”.

Parlano attraverso le voci degli artisti che vengono ospitati per le residenze – oltre 300 nel 2017 – e le mostre (fino all’11 febbraio la personale di Adrian Paci “Di queste luci si servirà la notte” e poi dal 15 febbraio al 16 marzo “Viaggio Immaginario”, installazione dell’importante artista camerunense Barthélémy Toguo; e ancora, confermata la pluriennale collaborazione con il Korea Film Festival a fine marzo e la mostra “Il tempo della discrezione” di Lisa Batacchi che a primavera inoltrata porterà un intenso racconto sulla Mongolia).

Ma non è tutto, Le Murate parlano anche a chi ha voglia di fermarsi solo al piano terra, nella Sala riviste, dove è possibile sfogliare gratuitamente una selezione dei più importanti magazine di arte, architettura, fotografi a e design o partecipare alle visite guidate settimanali al complesso, comprese le celle dell’ex carcere duro, e ai laboratori tematici Murate Art Lab, che invogliano a conoscere e a capire l’arte più da vicino.

Info e dettaglio iniziative:

www.museonovecento.it

wwwlemuratepac.it

 

20 febbraio 2018
articoli correlati

Giornate Fai di primavera in Toscana: i luoghi aperti

L'elenco completo di tutti i beni aperti il 23 e 24 marzo per l'edizione 2019 delle giornate Fai, dai monumenti antichi fino alle costruzioni moderne. In programma visite guidate 

Uffizi gratis: il calendario 2019

Agli Uffizi, a Palazzo Pitti e nel giardino di Boboli non si paga il biglietto in 12 giornate. Presentato il programma di aperture gratuite, che si aggiungono a quelle della domenica al museo

Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 17 febbraio

Food truck, baby-carnevale o partita in costume? Qualche idea per passare questo fine settimana a Firenze, tra eventi, feste e... un grande cuore floreale per tutti gli innamorati
quartieri di firenze
Primo piano

Meteo: a Firenze dopo la pioggia arriva il vento forte

Allerta gialla tra Firenze, Prato e Pistoia per le forti raffiche di grecale
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Stop alle maxi-pubblicità davanti al Duomo e Palazzo Vecchio

Regole più stringenti in 3 piazze simbolo di Firenze per i cartelloni pubblicitari sui ponteggi dei cantieri. La giunta approva il nuovo regolamento

Viaggio per immagini nella cultura coreana al Florence Korea Film Fest

Il ritorno di Kim Ki-duk, l'ospite speciale Jung Woo-Sung e 45 titoli tra corto e lungometraggi. Una settimana dedicata al cinema coreano, dal 21 al 28 marzo, a La Compagnia

Linea 2 della tramvia, qual è il percorso e dove sono le fermate video

Finiti i lavori si avvicina l’inaugurazione della linea 2 della tramvia. Ecco la mappa del nuovo tracciato e di tutte le fermate per non farsi trovare impreparati quando partirà la T2

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina