giovedì 13 dicembre 2018

La Fiorentina, contro la Spal, fallisce la settima vittoria

Dopo sei successi consecutivi la Fiorentina non va oltre un pareggio, a reti bianche, contro la Spal. La squadra di Stefano Pioli si è trovata di fronte un’avversaria affamata di punti che attacca poco ma difende molto bene. Un punto, comunque, che mantiene inalterate le speranze di qualificazione in Europa League
Simone Spadaro

Finisce in parità la sfida dell’ora di pranzo tra Fiorentina e Spal. I ferraresi riescono a fermare la striscia viola di sei vittorie consecutive conquistando un punto importante in chiave salvezza. Per i viola rimangono vive le ambizioni europee. Pioli torna a schierare dal primo minuto Chiesa dopo la squalifica, Simeone confermato al centro dell’attacco. A centrocampo debutta dall’inizio anche Dabo assieme a Veretout e Benassi. Poche sorprese nella Spal di Leonardo Semplici che si affida ad Antenucci e Floccari supportati dalle geometrie di Viviani.

Primo Tempo

I viola iniziano all’attacco sfruttando soprattutto la corsia di destra. Saponara impegna Meret al 7’ con una bella girata di destro, poco dopo l’arbitro fischia un rigore per la Spal per un atterramento di Felipe contrastato da Vitor Hugo, il VAR però poco dopo dice che è tutto regolare. Simpatici i cori della Curva Fiesole che prima intonano “Insensibile” nei confronti dell’arbitro Orsato e poi, dopo essere tornato indietro sulla decisione dell’arbitro hanno corretto il coro in “Sei sensibile”. Tutte frasi che citano quanto detto da Buffon in occasione della sfida tra Real Madrid e Juventus. Al 10’ Chiesa serve Simeone che però non riesce a segnare a portiere battuto.  Al 26’ ancora Saponara sfiora la traversa, complice una deviazione di un difensore ospite. Al 37’ ci prova Biraghi ma Meret riesce a parare. Ed è sempre il portiere degli emiliani a rifugiarsi in angolo, al 42’, su un bel tiro di Chiesa. Dopo un minuto è ancora Simeone a sbagliare l’opportunità da rete. Si va al riposo sullo 0-0.

Secondo Tempo

Semplici ha strigliato la propria squadra in quanto la Spal appare più brillante nella ripresa. Al 58’ Lazzari serve Antonucci che però non concretizza davanti a Sportiello. Al 66’ occasione buona per Pezzella sugli sviluppi di un corner, ma la palla finisce alta di poco. Al 70’ altro tiro dalla distanza di Chiesa e stavolta la sfera finisce fuori di poco a portiere battuto. Al 77’ sponda di Falcinelli, entrato al posto di Simeone, per Biraghi che, da buona posizione, spara alto. Infine, al 90’ occasione viola con Gil Dias, entrato al posto di Biraghi, che fa tutto bene ma calcia fuori di un soffio alla sinistra di Meret. Finisce a reti bianche.

L’allenatore

Soddisfatto, comunque, Stefano Pioli. “La prestazione c’è stata, abbiamo creato tantissimo contro una squadra che ha avuto meno problemi contro squadre più forti. Abbiamo dimostrato di essere una squadra in forma e in condizione anche adesso. Abbiamo giocato bene – prosegue il tecnico viola – ma il campionato è ancora lungo. Se ci avessero detto qualche mese che saremmo diventati una squadra così saremmo stati contenti. Tutto può cambiare, dobbiamo essere attaccati alle nostre prestazioni. La squadra merita di finire il campionato al meglio. Stiamo lì con la testa”.

15 aprile 2018
quartieri di firenze
Primo piano

Sant'Orsola, Nardella assicura: "Non diventerà un polo del cibo"

"Il polo del food c'è già, è il Mercato centrale", ha detto il sindaco intervenendo al dibattito aperto sul futuro dell'ex convento organizzato dall'Ordine degli architetti. "La nuova Sant'Orsola servirà alla promozione economica e culturale della città"
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Natale nei musei di Firenze (con i bambini)

Le attività per le famiglie organizzate nei luoghi d'arte della città. Ecco i musei di Firenze che propongono visite speciali a misura di bambino durante le vacanze natalizie

Le scuole si presentano 2018: a Firenze ''open day'' per 38 istituti superiori

Licei, istituti tecnici e professionali. Nella palestra di viale Malta quasi 40 scuole superiori di Firenze si mettono in mostra per il salone di orientamento promosso dal Comune

Dodici giorni davanti al pubblico: nuova "re-performance" di Marina Abramovic

Vivere in isolamento e digiuno all'interno della mostra, senza pareti e sempre visibile ai visitatori. La performer Tiina Pauliina Lehtimäki esegue dal vivo "The House with the Ocean View" di Marina Abramovic fino al 16 dicembre

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina