mercoledì 22 agosto 2018

L'Arno in rosa con il Dragon Boat Festival di Firenze

Per la prima volta arriva in Europa. Le Cascine ospitano la quinta edizione della manifestazione, con oltre quattromila persone che imbracceranno i remi per 3 giorni di sport e di promozione della salute
Niccolò Dainelli
Dragon Boat Festival 2018 Firenze Parco delle Cascine

Firenze si prepara a vivere, in una festa sportiva che si svolgerà tra il Parco delle Cascine e le acque dell'Arno, la quinta edizione dell' IBCPC Dragon Boat Festival. L'evento, dal carattere sportivo ma soprattutto sociale, avrà come obiettivo primario quello di promuovere e divulgare una cultura della prevenzione e della consapevolezza attraverso la diagnosi precoce e la promozione di corretti stili di vita e la riabilitazione psicofisica dopo il tumore al seno.

Dal 6 all’8 luglio 2018 Firenze e l'Arno si coloreranno di rosa accogliendo più di 4mila atleti, per lo più donne, che stanno superando o hanno superato la difficile prova del cancro e che adesso vivono un  momento di condivisione di grande valore sociale ed emotivo.

La manifestazione, indetta dall’International Breast Cancer Paddler’s Commission, promossa e organizzata dall’associazione Firenze in Rosa svolge ogni quattro anni e costituisce un evento internazionale partecipativo, senza connotazioni di carattere agonistico, rivolto a squadre di donne, ma anche uomini, operati di tumore al seno (Breast Cancer Survivors), che svolgono la pratica del Dragon Boat come attività riabilitativa post-operatoria.

Il Dragon Boat Festival a Firenze

L'idea di ospitare questo importante evento per la prima volta nel continente europeo nasce dall'entusiasmante partecipazione del team fiorentino alla passata edizione svoltasi in Florida nel 2014. Dalla sua istituzione nel 2005, infatti, il Festival Mondiale di Dragon Boat delle Donne in Rosa ha toccato Canada, Australia e USA, e per la prima volta, coinvolgendo l’Italia, avrà luogo nel continente europeo

Per tre giorni Firenze farà da scenario ad una vera e propria “invasione” rosa: l’edizione 2018 vedrà infatti la più alta partecipazione mai avuta nella storia del Festival con la presenza di 120 squadre (circa 4000 persone) in rappresentanza di 18 Paesi e soprattutto di tutti i Continenti.

Una barca come riabilitazione

I partecipanti, per la maggior parte donne fra i 20 e gli 80 anni, insieme ai propri accompagnatori, famiglie ed emaici, si ritroveranno nel cuore del Parco delle Cascine per prendere parte alle avvincenti gare di Dragon Boat, confrontandosi a colpi di pagaia nelle acque dell'Arno. Utilizzata da oltre vent’anni come strumento riabilitativo per le “donne in rosa” in tutto il mondo, l’attività del Dragon Boat, imbarcazione di origine orientale con testa e coda di drago composta da un equipaggio di 22 persone, costituisce una tipologia di riabilitazione alternativa fuori dagli schemi tradizionali che raccomandavano un limitato uso del braccio dopo l’intervento e che ad oggi coinvolge nella sua pratica decine di migliaia di persone in tutto il mondo.

“Firenze fornirà una cornice straordinaria ad un evento di questa portata che arriva per la prima volta in Europa. La precedenza – ha dichiarato Stefania Saccardi, assessore regionale al Diritto alla Salute - è da attribuire non tanto all’aspetto puramente sportivo ma a quello legato alla lotta che tutte queste persone, come tante altre migliaia in tutto il mondo, si sono trovate ad affrontare e che spesso sono riuscite a vincere.  La Toscana sta portando avanti ormai da anni un lavoro sempre più rilevante sugli screening, sulla prevenzione e sulla diagnosi precoce del tumore, ed i risultati ottenuti sono molto incoraggianti”.

Dragon Boat Festival Firenze


“Finalmente è arrivato il momento di quest'evento così bello ed importante. Sono anni che ne parliamo e adesso siamo al rush finale prima dell'inizio. Con questa manifestazione Firenze si conferma città capace di cose straordinarie - ha detto Andrea Vannucci, assessore allo sport del Comune di Firenze- circondate sempre da enorme calore. Un evento che ha il merito di legare una disciplina simbolo dello sport di squadra a una battaglia dura e difficile da affrontare con la forza e il coraggio della squadra. Un segnale forte per chi si trova ad affrontare un momento difficile”.

18 maggio 2018
articoli correlati

Yoga e massaggi orientali nel Giardino Torrigiani

Un’intera giornata per provare le diverse discipline orientali e sostenere Oxfam Italia. Torna Oriental Garden nel Giardino Torrigiani di Firenze

Tornano le passeggiate nei quartieri fiorentini

Camminate collettive (gratuite) in vari angoli della città: dal centro fino ai luoghi meno conosciuti in periferia. Sono le 'Passeggiate della salute' organizzate dal Gruppo 'Salute è benessere'

Pole dance: è anche per gli uomini

Si balla usando un palo (pertica in gergo), ma guai a chiamarla ''lap dance''. Cos'è la Pole Dance e perché possono farla anche gli uomini. Intervista a Rita Conte, che a Firenze ha aperto un'accademia
quartieri di firenze
Primo piano

Marina Abramovic a Firenze, le anticipazioni sulla mostra

È uno degli eventi espositivi più attesi del 2018 in Italia e non solo. A Palazzo Strozzi performance e opere di Marina Abramovic, personalità tra le più controverse dell’arte contemporanea
news
Focus
Da non perdere
In bus
Tempo Libero
Focus

Lo slang fiorentino in una canzone rap dei DuoVa video

Un 'cantante contadino' al microfono e un testo ironico che mette in fila tutti i modi di dire fiorentini. E' 'Radici' il nuovo progetto del gruppo DuoVa che sta riscuotendo successo sui social

La mappa del mare più inquinato della Toscana

Goletta Verde 2018 stila la mappa dell’inquinamento nei mari toscani, passando in rassegna i punti critici della costa e delle spiagge, da Marina di Carrara a Follonica e Orbetello

Posti freschi vicino Firenze: le mete per gite e passeggiate

Laghi, boschi, parchi. D’estate scatta la caccia alla frescura, per un’escursione domenicale o per passare una serata lontano dall’afa. Vi diamo qualche idea

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina