domenica 17 febbraio 2019

L'arte contemporanea arriva al Palazzo di Giustizia

Il Palazzo di Giustizia a Novoli si arricchisce di cinque opere d'arte che mettono in scena il tema dei diritti umani e civili, due di queste realizzate da ragazzi under 35
Costanza Tosi
Nuovo Palazzo di Giustizia

Il Palazzo di Giustizia a Novoli si arrichisce di dettagli estetici. A dare un tocco in più questa volta è vera e propria arte contemporanea: cinque lavori a tema, realizzati da artisti internazionali sono stati inseriti all’interno dell’area dell’edificio.

Nell’agosto 2015 era stato indetto il bando per aggiudicarsi lo spazio con la propria opera artistica. Tra le 228 proposte arrivate per il concorso la commissione giudicatrice, formata dagli artisti Daniela Di Lorenzo e Massimo Barzagli, da Clementina Ricci, nipote del defunto progettista del tribunale Leonardo Ricci, da Claudio Paolini delegato della Soprintendenza ai beni paesaggistici, e dalla Direttrice Comunale della Cultura Gabriella Farsi, ha accettato 199 progetti (16 esclusi per mancanza dei requisiti necessari), solo 13 hanno poi superato la prima fase e cinque di loro sono riusciti ad aggiudicarsi il premio.

GLI ARTISTI VINCITORI DEL BANDO

Si tratta di Shigeru Saito con ‘Prima del tramonto’; Antonio Violetta con ‘Giustizia’; Sislej Xhafa, artista proveniente dal Kosovo, con ‘J’; Virginia Zanetti con ‘Il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me’, e Mauro Pace insieme a Saverio Villirillo e Gregorio De Luca Comandini con ‘Metabole’.

Palazzo di Giustizia

L’idea nasce grazie alla possibilità, data dalla legge 717 del 1949, che impone alle amministrazioni che costruiscono nuovi edifici pubblici di destinare parte della spesa prevista alla realizzazione di opere per abbellire gli edifici stessi. Così Firenze ha deciso di mettere in pratica tale principio, aggiungendo però la volontà di valorizzare giovani artisti grazie alla scelta di ben due opere realizzate da ragazzi under 35. A loro saranno destinati circa  70 mila euro ciascuno. Mentre, gli altri, riceveranno una somma massima di 136 mila euro ciascuno.

Palazzo di Giustizia

Ma non si tratta soltanto di opere personali e caratteristiche di uno stile proprio degli autori bensì di lavori che vogliono, come previsto dal bando, mettere in scena il tema dei diritti umani e civili e, “valorizzare e sottolineare l’importanza nella nostra società di valori quali la giustizia, il rispetto, la parità, l’imparzialità, i diritti e i doveri di ogni singolo essere umano”.


 

22 maggio 2018
articoli correlati

È morto Silvano Sarti, il partigiano ''Pillo''

Fu uno dei protagonisti della liberazione di Firenze. Membro della Brigata Sinigaglia dal 1944, per tutta la vita ha testimoniato e difeso i valori della Resistenza. Il ricordo del sindaco Nardella: ''La tua voce sarà sempre la nostra voce''

Prostituzione a Novoli: operazione della polizia

Misure cautelari per dieci albanesi accusati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione nella zona nord di Firenze, tra via Forlanini e viale Guidoni

Apre la nuova Coop di Bellariva

Giovedì 13 ottobre a partire dalle 9.15 sarà operativo il nuovo punto vendita, nato all’interno dell’area dell’ex cinema Variety
quartieri di firenze
Primo piano

Cosa fare a Firenze nel fine settimana del 17 febbraio

Food truck, baby-carnevale o partita del calcio storico? Qualche idea per passare questo weekend a Firenze, tra eventi, feste e... un grande cuore floreale per tutti gli innamorati
news
Focus
Agenda
Attualità
Dalla città
Focus

Linea 2 della tramvia, qual è il percorso e dove sono le fermate video

Finiti i lavori si avvicina l’inaugurazione della linea 2 della tramvia. Ecco la mappa del nuovo tracciato e di tutte le fermate per non farsi trovare impreparati quando partirà la T2

Florence4ever: Mariah Carey e John Legend in concerto a Firenze

A giugno, allo stadio Artemio Franchi, arrivano due stelle della musica per Florence4ever, evento nato grazie al nuovo sponsor della Fiorentina Dream Loud

La storia dell’Isolotto in una mostra fotografica

Per due mesi la Galleria Isolotto ospita la mostra antologica che conclude il ciclo di esposizioni ''Non case ma città'' dedicata agli scatti storici del rione alla prima periferia di Firenze

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina