martedì 13 novembre 2018

''Qui. Paolo Masi'', nuova mostra a Le Murate

Le ex celle della prigione - monastero si trasformano in spazi espositivi per accogliere la personale dell'artista fiorentino che conta 12 opere monumentali site specific
Barbara Palla
Paolo Masi Murate

Clausura e prigionia, memoria e meditazione, da ogni pietra de Le Murate riecheggia la storia delle persone che vi hanno abitato volontariamente o per obbligo. Questo è quello che ha sentito l'artista fiorentino Paolo Masi entrando per la prima volta nelle ex celle del monastero - prigione, trasformate oggi negli spazi espositivi de Le Murate - Progetti di Arte Contemporanea. Proprio in quegli spazi, Paolo Masi ha creato 12 opere monumentali site specific raccolte nella mostra “Qui. Paolo Masi” visitabile dal 14 settembre al 3 novembre 2018.

La mostra

Le opere che occupano le residenze, le piazze, la fontana e le facciate esterne, si presentano come una combinazione astratta di materiali volutamente duri, come ad esempio i chiodi e la lana di acciaio, in dialogo con la struttura e la cromaticità del complesso permettendo allo spettatore una profonda riflessione sui concetti di meditazione e reclusione. In questa mostra monografica, Masi ripercorre inoltre la sua vita artistica riprendendo tecniche da lui sperimentate negli anni Settanta e riproponendole con una fragranza nuova e autentica misurata con lo spazio circostante.

Le opere monumentali sono accompagnate da due cicli di polaroid, tecnica scelta per la sua capacità di cogliere l'attimo, dedicate una alle Murate e al senso di chiusura mentre nell'altra si segue di scatto in scatto il flusso libero e dirompente dell'Arno. Paolo Masi ha scelto il complesso de Le Murate proprio per questa contraddizione intrinseca che vede nell'aver trasformato in Galleria d'arte, e quindi in luogo di produzione e creatività per eccellenza, un luogo conosciuto da tutti per essere stato costrittivo e limitante.

Le Murate Paolo Masi

La mostra rientra nel progetto RIVA 2018 entrambi curati da Valentina Gensini, direttore artistico de Le Murate Progetti di Arte Contemporanea, e rientra nel programma istituzionale Sensi Contemporanei.

Info utili

Apertura al pubblico: dal martedì al sabato dalle 14,30 alle 19,30

Ogni sabato, dal 22 settembre, è possibile seguire una visita guidata gratuita dalle 15 alle 16.30
 

14 settembre 2018
articoli correlati

Corridoio Vasariano, riapertura tra due anni

Chiuso alle visite dal 2016, si lavora per rendere di nuovo accessibile  il celebre ''passaggio segreto'' tra Palazzo Vecchio e Pitti. Il prezzo? Ci sarà un doppio biglietto a seconda della lunghezza del percorso

Le Giornate europee del patrimonio 2018 a Firenze

Tanti eventi nei musei, oltre a visite serali con il biglietto che costa un euro. Le principali opportunità offerte dalle Giornate europee del patrimonio, in programma il 22 e 23 settembre 2018

Manzoni e gli altri: nuova stagione del Museo Novecento

Una monografica su Piero Manzoni e un progetto per via Palazzuolo. E poi architettura e video. Dopo un'estate con il 30% in più di visitatori, il Museo Novecento di Firenze presenta le nuove rassegne 
quartieri di firenze
Primo piano

Tramvia, linea 2. Quando parte? A fine 2018

Fine dei lavori tra pochi giorni e partenza entro il 31 dicembre. Secondo le ultime notizie ci sono quattro date papabili per l’inaugurazione della linea 2 della tramvia
news
Focus
Agenda
Marker
Arte
Focus

A Firenze 3 mostre su Leonardo da Vinci

Non solo il codice Leicester. La città celebrerà in grande l’anno leonardiano. L’annuncio durante la prima conferenza della capitali europee della cultura ospitata a Firenze

Il codice Leicester di Leonardo da Vinci in mostra agli Uffizi

Un celebre ''codice da Vinci'' arriva a Firenze per un’esposizione-evento: il manoscritto di Leonardo da Vinci è il protagonista di una grande mostra nell'aula Magliabechiana

Banksy a Firenze, graffiti in mostra a Palazzo Medici Riccardi

A Firenze arrivano le opere di Banksy, il padre della street art contemporanea: “Banksy. This is not a photo opportunity” è la mostra in programma a Palazzo Medici Riccardi dal 19 ottobre al 24 febbraio. 

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina