martedì 13 novembre 2018

Castello, cosa prevede la variante al piano urbanistico

La giunta comunale dà l'ok definitivo al ''disegno'' per il futuro della zona a nord ovest di Firenze: meno cemento e uffici rispetto al vecchio piano, nuova Mercafir a Castello, case e un grande parco
Redazione
Castello Variante Mercafir aeroporto Firenze

Il quartiere di Castello, alla periferia nord ovest di Firenze, avrà un nuovo volto: la giunta comunale ha dato l’ok in via definitiva alla variante al piano urbanistico esecutivo  per questa grande area che si estende dall’aeroporto fino a Sesto Fiorentino.

Di fatto arriva una nuova mappa, insieme a delle nuove linee guida, per chi in futuro vorrà costruire in questo quadrante. Il nuovo "disegno" non va in conflitto né con l’attuale pista dell’aeroporto né con il progetto di quella nuova. In concreto si rendono indipendenti tra loro 3 progetti per la zona: la nuova pista, lo spostamento della Mercafir e la creazione del nuovo stadio della Fiorentina lì dove ora esiste il mercato ortofrutticolo. Per quest'ultima vicenda, il club viola ha effettuato i primi carotaggi nel terreno dove sorgerà il futuro impianto sportivo.

Le novità

Meno cemento e uno spazio più fruibile dai cittadini, un parco da 80 ettari e anche nuove strade, due parcheggi e una nuova fermata della linea ferroviaria. In sintesi sono queste le novità che sono state approvate dalla giunta rispetto al vecchio piano.

La superficie edificabile diminuisce di quasi la metà (quasi 190mila metri quadri contro gli oltre 350mila del Pue datato 2005 per un 46% in meno): vengono “tagliati” soprattutto gli spazi a disposizione di uffici, alberghi e commercio, mentre viene prevista una nuova area industriale e artigianale da 45mila metri quadrati e un’area mercatale.

Variante Castello Mercafir Firenze come sarà cosa prevede

La "mappa" disegnata dalla variante di Castello

Vediamo allora com'è previsto che si svilupperà questa zona. A fare la parte del leone è il grande parco da 80 ettari, il più grande dell’area metropolitana, insieme a quello della piana: si estenderà dall’aeroporto di Firenze fino a via Mario Luzi (quel “tentacolo” di asfalto che parte da viale XI Agosto e porta a Sesto Fiorentino), mentre sugli altri due lati sarà delimitato dalla scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri e dall’attuale pista dell’aeroporto.

Nei pressi di via Mario Luzi nascerà una cittadella del cibo con la nuova Mercafir e, al confine con Sesto è previsto uno studentato, vista la vicinanza con il polo scientifico dell’Università di Firenze. Sempre nel quadrante nord, quello che guarda la frazione di Castello, c'è anche una nuova area artigianale da 45mila metri quadrati.

Concludono il piano case e housing sociale, a nord della scuola dei Carabinieri, mentre a sud del complesso spazio a impianti sportivi e, più spostata verso l’aeroporto, all’area commerciale e turistico ricettiva da 10mila metri quadrati.

Castello, variante al piano urbanistico di Firenze

Strade, parcheggi e fermate del treno

Sul fronte della mobilità il piano definisce le future linee di sviluppo, con un sistema di nuove strade e rotonde alle spalle della Scuola dei Carabinieri. Inoltre è prevista una nuova fermata sulla linea ferroviaria tra viale Guidoni e viale Luder, in modo da creare un'interconnessione con la linea 2 della tramvia e con la futura estensione verso Sesto (Sirio che correrà parallelamente al parco).

Spazio poi a un parcheggio scambiatore all’altezza di Peretola, a un’altra grande area di sosta all’altezza di viale XI Agosto e a una nuova pista ciclabile.

"Un traguardo storico"

“Siamo molto soddisfatti di questo traguardo storico per la città e per tutta l’area metropolitana – ha commentato il sindaco di Firenze Dario Nardella – Con questo piano urbanistico disegniamo una volta per tutte il volto del nuovo quartiere di Castello. Un quartiere non più fatto prevalentemente di direzionale e residenziale ma molto più aperto alla fruibilità pubblica. Abbiamo di fatto dimezzato i volumi a costruire con una scelta politica molto drastica per salvaguardare la sostenibilità e l’ambiente, bloccare l’eccessiva cementificazione e connettere questo quartiere a tutta l’area metropolitana”.

“Il vecchio Pue di Castello era frutto di una visione in cui si decentravano le funzioni importanti della città – ha spiegato l’assessore all'urbanistica Giovanni Bettarini -, noi invece vogliamo che il centro storico della città lavori insieme alle sue aree limitrofe. A Castello non devono più andare il direzionale pubblico e la residenza, ma nuove funzioni che hanno a che fare con le attività produttive e commerciali, come quella della nuova Mercafir”.

7 novembre 2018
articoli correlati

Sant'Orsola, via ai lavori. Partito il recupero dell'ex convento foto

Un intervento da 4,5 milioni per recuperare il complesso dell'ex convento abbandonato da 40 anni. Nuove coperture e facciate entro il 2019. Lavori al via oggi, presentati dal sindaco Dario Nardella che promette: "Nessuna speculazione"

Cosa non sapete su Sorgane (che compie 60 anni) foto

Doveva essere grande il triplo e avere anche il 'gemello' del piazzale Michelangelo. 60 anni fa nasceva il quartiere popolare di Sorgane. Storia e curiosità di questo rione a sud di Firenze

Sorgane compie 60 anni, una giornata per ''scoprirla''

La Fondazione Architetti Firenze dedica una giornata al progetto architettonico di Leonardo Savioli e Leonardo Ricci
quartieri di firenze
Primo piano

Smashing Pumpkins a Firenze Rocks 2019, nuovo nome in programma

Annunciati i nuovi headliner che si aggiungono alla prima data del festival. Firenze è l'unica data italiana del tour 2019 degli Smashing Pumpkins. La vendita dei biglietti per il concerto è già partita
news
Focus
Agenda
Marker
Arte
Focus

Il codice Leicester di Leonardo da Vinci in mostra agli Uffizi

Un celebre ''codice da Vinci'' arriva a Firenze per un’esposizione-evento: il manoscritto di Leonardo da Vinci è il protagonista di una grande mostra nell'aula Magliabechiana

Banksy a Firenze, graffiti in mostra a Palazzo Medici Riccardi

A Firenze arrivano le opere di Banksy, il padre della street art contemporanea: “Banksy. This is not a photo opportunity” è la mostra in programma a Palazzo Medici Riccardi dal 19 ottobre al 24 febbraio. 

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina